Scuola di ballo Accademia Teatro alla Scala: ai diplomi spicca Linda Giubelli

in trenDance

Ci sono le grandi speranze della giovinezza nel lancio di palloncini bianchi che sigla tradizionalmente la festa di diploma degli allievi della Scuola di ballo dell’Accademia Teatro alla Scala. Il talento è commovente a quell’età, la bellezza radiosa: mentre ammiriamo i nostri giovani ballerini scambiarsi abbracci e tagliare la torta promettiamo di seguirli nelle loro meritate carriere.

È stata una giornata campale per i venti neodiplomati dell’ Accademia Teatro alla Scala che hanno aperto le porte della scuola di via Campolodigiano a parenti, amici, giornalisti. Tutti invitati a seguirne una giornata tipo, aperta dalle lezioni con i loro maestri: classico femminile (con brio) per le 11 ragazze di Paola Vismara; classico maschile (con rigore) per i 9 ragazzi di Leonid Nikonov; maschi e femmine insieme per il contemporaneo con Emanuela Tagliavia. Appena il tempo di infilarsi i costumi di scena ed ecco la prova d’esame: per ognuno una variazione (o un pas de deux) dal repertorio classico e un brano di contemporaneo. Se qualche segno di emozione si è notato, consumata per tutti è apparsa la tenuta scenica: gli allievi scaligeri sono abituati sin dai primi corsi ad esibirsi in palcoscenico. Davanti a loro la commissione d’esame presieduta dal direttore Maurizio Vanadia, presenti Frédéric Olivieri, gli ospiti Giuseppe Picone e Goyo Montero e l’intero corpo docente. Nelle sale accanto, a seguirli dai monitor, un pubblico tifante.

Certo vorremmo menzionarli tutti, ma dovendo limitarci segnaliamo coloro che hanno riportato le votazioni più alte. A partire dalla fuoriclasse Linda Giubelli, entrata all’Accademia al sesto corso, che ha meritato il rarissimo 30 e lode nel classico. La tecnica eccellente che non teme difficoltà, sfoggiata nel passo a due tratto dal balletto Le Fianmme di Parigi, si unisce a quella personale ricerca dello stile da ballerina fatta. Gli altri due 30 sono andati alla giapponese Sena Motoyoshi, in Accademia dal sesto corso, ballerina di grazia squisita e ottima tecnica, ammirata nelle variazioni dai balletti La Figlia del faraone e La Bella addormentata, e ad Alessandro Paoloni, allievo scaligero sin dal primo anno, ballerino brillante dal temperamento di demi-caractère, eccellente in Tchaikovsky Pas de Deux. Impeccabile accanto a lui la vivace Giorgia Pasini, votazione 29, la stessa dell’elegante Samuele Gamba, un futuro da danseur noble, apprezzato nel passo a due da Rajmonda insieme all’affascinante Carlotta Di Monte.

In tempo di audizioni resta da capire che teatro sceglieranno i nostri giovani talenti: ci auguriamo non debbano andare lontano.

Immagine di copertina: Linda Giubelli Ph. Rudy Amisano

Mosca: ripresa al Teatro Bol’šoj de “La Leggenda dell’amore” di Jurij Grigorovič
Nureyev The White Crow
Arriva in Italia “Nureyev The White Crow”

Potrebbe interessarti anche

Menu