La lune est là, le stelle pure: Special Guest Cristina Zavalloni

in Special Guest

In occasione della pubblicazione dell’album Special Moon (Encore Jazz 2017, in uscita ad ottobre) Cristina Zavalloni regala ai lettori di Amadeus una chicca…

 

Io sono la luna

Sono le maree

E la madre dei flussi

 

Sono ciclo che si compie

Cerchio accennato e compiuto

Moto che oscilla

Sono la luna e già non sono più

Mi tradisco nel dirmi

 

Abito spazi ampi e immobilità raccolte

Io sono la luna

 

Da circa due anni ho un’assidua e quotidiana frequentazione con  libri per bambini, filastrocche, favole africane, animali di ogni sorta. Il mondo si è riempito di lune e soli e di carillon che evocano lune e soli. Mai viste così tante lune in vita mia.

Ero abituata alle ben note – e tante volte incarnate – lune tedesche, malate, urbiache, sanguinanti, espressioniste, possibilmente accompagnate da languidi Pierrot. Scopro ora lune semplici, orizzonti naturali di un mondo in via di definizione che ha bisogno di certezze. Lune con le quali ci si scopre in perfetta sintonia femminea. Lune leggere, da ammirare fugacemente prima di un bel sonno che inizia quando prima ci si preparava per uscire. Il mio immaginario ha incorporato questi nuovi colori e il ha fusi al lavoro di sempre: la scrittura, la rilettura delle canzoni, il jazz. Il tutto in puro stile Special Dish, qui alla seconda prova.

La lune est là, le stelle pure, è tutto a posto.

Cristina Zavalloni

400 volte Don Giovanni: Special Guest Carmela Remigio
Il mio vivere di musica: Special Guest Teresa Iervolino

Potrebbe interessarti anche

Menu