Beatrice Rana: “Villa Pennisi è un’esperienza unica”

in Special Guest

Beatrice Rana sarà protagonista stasera, insieme a Massimo Spada, del Festival Villa Pennisi in Musica, ad Acireale. In programma musiche di Mozart e Bartók. Per voi il suo “special guest”!

Solitamente a un concerto quello che l’artista presenta è il risultato finale di un lungo processo che si svolge a casa o comunque nel proprio studio.

La peculiarità assolutamente straordinaria di Villa Pennisi è che invece è possibile vivere nei giorni immediatamente precedenti l’inizio del festival anche il processo del “the making of”. Questo perché essendo anzitutto un Festival di Musica da Camera ci sono le prove insieme agli altri musicisti. E già questo per una pianista come me, che è portatata soprattutto alla dimensione solistica e quindi anche alla solitudine, é un grande vantaggio.

Beatrice Rana: la bellezza del “the making of”

Ma in realtà “the making of” è inerente anche alla costruzione della camera acustica, quindi alla vera e propria sala da Concerto. Per me è stato miracoloso vedere come tutte queste forze unite potessero creare, assolutamente dal nulla, una “camera acustica” che poi, al momento del concerto, funziona fantasticamente.

Res, la camera acustica, riesce a rendere ancora più bello il giardino di Villa Pennisi, un vero e proprio giardino dell’eden, valorizzando allo stesso tempo i vantaggi dei concerti all’aperto, e quindi della meravigliosa location, ma anche di un’acustica straordinaria.

La Sonata di Bartók

Quest’anno la spettacolarizzazione è una parola chiave perché suoneremo la sonata di Bartók che, sicuramente, nel mondo della musica da camera è uno dei brani più spettacolari. Non esistono infatti altri brani in cui ci siano due pianoforti con percussioni posizionati in un modo assolutamente peculiare come Bartók richiede. Chiaramente anche a livello compositivo il lavoro è assolutamente strepitoso.

Per me è un grande onore tornare quest’anno a Villa Pennisi in Musica, festival creato da David Romano, grande amico prima ancora che musicista straordinario, che è riuscito a creare una realtà veramente unica in Italia e all’estero. Un’occasione per ritrovare tanti amici musicisti e soprattutto una maniera per godere delle meraviglie della Sicilia, delle bellezze artistiche e delle amenità culinarie!

Quindi è assolutamente un’esperienza unica e meravigliosa!

Info qui

A questo link lo Special Guest di Alessandro Carbonare

Foto di copertina Ph. Flavio Ianniello

Alessandro Carbonare
Alessandro Carbonare: “ogni volta che lo faccio strano sono felice”
riccardo panfili
Riccardo Panfili: “gli europei sono dei professionisti nell’arte leccaculonica”

Potrebbe interessarti anche

Menu