Biennale Musica, in scena Pinochet e Thatcher

in News
  1. Home
  2. News
  3. Biennale Musica, in scena Pinochet e Thatcher

Gli ultimi giorni di Biennale Musica, al Teatro Piccolo Arsenale di Venezia, sono stati animati da Aliados; lo spettacolo racconta l’incontro tra Pinochet e la Thatcher dopo la guerra delle Falkland/Malvine. Meno efficaci le quattro short stories a tema grottesco

Biennale Musica, in scena Pinochet e Thatcher in Aliados

Una foto di scena

Agli ultimi due giorni della Biennale Musica il concerto dell’ottimo Quartetto Untref, argentino (ricordiamo i lavori di Gabriele Manca e Julio Estrada) si incuneava tra Aliados (2013) del franco-argentino Sebastian Rivas (1975), Leone d’argento, e i quattro lavori di Biennale College. Aliados (Alleati, 2013) è ben diretto da Léo Warynski, con efficace regia di Antoine Gindt e ottimi interpreti; rievoca l’incontro (realmente avvenuto a Londra nel 1999) tra il generale Pinochet e Margaret Thatcher, che lo volle ringraziare per l’aiuto nella guerra delle isole Falkland/Malvine.

I personaggi

Nel dialogo tra i due ormai lontani dal potere (e assistiti nella loro decadenza senile da un aiutante di campo e da una infermiera) i luoghi comuni enunciati con apparente pacatezza rivelano un agghiacciante cinismo, grazie anche agli interventi di un quinto personaggio dalla vocalità aggressiva e violenta. È un soldato argentino mandato al macello nella assurda guerra delle Falkland. Lo vediamo subito, cadavere coperto da un lenzuolo; la sua voce irata e disperata conferisce particolare intensità all’inizio dell’opera e ai momenti in cui ritorna.

Nel delineare il cinismo dei due vecchi protagonisti la musica fa ampio uso di allusioni a linguaggi diversi (e talvolta di citazioni); e lo fa sempre con una funzione drammaturgica evidente, con bravura ed efficacia. Forse è rimasto qualcosa di didascalico nell’impegno politico di Aliados; nel complesso suscita la massima adesione morale, e un vivo interesse per i lavori recenti di Rivas.

Gli altri spettacoli alla Biennale Musica

Il grottesco, o comico surreale era il tema obbligato per i quattro brevissimi atti unici di Biennale College Musica. Questo obbligo e il limite dei venti minuti di durata, uniti a ingenuità e inesperienza, rischiano di spingere ad esiti banali o davvero improponibili.

Tra i testi, la proposta meno improbabile era forse la trovatina del gioco surreale con Dalì e Picasso di Ignacio e Jorge Ferrando (valorizzato dalla regia di Irene Di Lelio); si accontentavano di idee musicali vecchiotte e poco interessanti.

Colpiva invece la musica della greca Sofia Avramidou (1988) nel gioco tra le voci leggere di Hänsel e Gretel. Buono il piccolo ensemble (l’ottimo Ensemble Novecento di Santa Cecilia) in Rodi, rodi!; ma bisognava ascoltarla prescindendo dalla maldestra ingenuità di testo e drammaturgia nella rivisitazione della celebre fiaba posta in rapporto con l’alienazione televisiva. E solo ignorando la concezione di Trìstrofa si potevano apprezzare le qualità musicali di Elisa Corpolongo (1992). A chiudere infine Push! di Alvise Zambon.

Ci si domanda se non sarebbe meglio lasciare piena libertà, durate doppie e un tempo di elaborazione adeguato (più di un anno, non pochi mesi) per le prossime edizioni.

Paolo Petazzi

Un inedito di Vivaldi al concerto di Auser Musici
Esagramma lancia un Master in MusicoTerapia

Potrebbe interessarti anche

Menu