Orchestra laVerdi: giovani bacchette per la nuova stagione 2019-2020

in News

La Stagione sinfonica 2019-2020 dell’Orchestra Sinfonica di Milano laVerdi si articola in 32 programmi e si inaugura come di consueto al Teatro alla Scala di Milano il 15 settembre 2019 con Claus Peter Flor (Direttore musicale per la seconda stagione) alla guida dell’Orchestra Verdi (ospite il pianista Steven Osborne) e termina il 14 giugno 2020 con il Rach 3 affidato alle mani di Alexei Volodin e diretto da Robert Trevino.

Alla sinfonica si affiancano le rassegne consolidate come Crescendo in musica (8 appuntamenti dedicati al pubblico più giovane e alle loro famiglie con – tra gli altri – la Banda Osiris e Bustric). Nella scia della vocazione dell’Orchestra sinfonica di Milano alla divulgazione della musica intesa anche come ponte con le nuove generazioni, si colloca la stagione Educational (6 appuntamenti che vedono coinvolte le formazioni giovanili e amatoriali de laVerdi) e i Corsi di Musica: dall’ormai famoso Corso di canto per stonati, giunto all’ottava edizione, fino ai corsi di lettura e di storia della musica o quello dedicato alla musica per il cinema.

Dopo il grande successo della scorsa stagione ritorna laVerdi POPs, questa volta con tributi sinfonici alla musica di Fabrizio de André, Pink Floyd e Beatles. Non manca il tributo al cinema, con proiezione ed esecuzione dal vivo della colonna sonora di due capolavori tra passato e presente: Ivan il Terribile (due appuntamenti della stagione sinfonica l’8 e il 10 maggio 2020) e Mamma ho perso l’aereo (concerto straordinario con tre repliche su due date, il 6 e 7 dicembre 2019).

La novità della Stagione di Musica da Camera riguarda invece l’ambientazione: dal MAC infatti passa al Teatro Gerolamo di Piazza Beccaria, ribalta ‘in miniatura’ nel cuore di Milano, che ospiterà 8 concerti sempre la domenica mattina alle ore 11.00.

Tra le nuove collaborazioni, da segnalare quella con la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi da cui provengono i giovani registi incaricati della realizzazione di tre spettacoli del Crescendo in musica. E se da un lato l’Orchestra Verdi partecipa alla stagione del Piccolo Teatro eseguendo insieme al Coro sinfonico la musica del melologo Eternapoli di Fabio Vacchi con Toni Servillo dal 7 al 9 aprile 2020, il Teatro Studio ospita la rassegna

laVerdi allo Studio dedicata alla musica del XX e XXI secolo. Un’altra novità assoluta è costituita dai quattro appuntamenti di Musica & Scienza che vede l’Orchestra Verdi sul palco dell’Auditorium insieme e tre scienziati: l’astrofisico Simone Iovenitti, lo psicoanalista Marco Fiocchi e la neuroscienziata Laura Ferreri.

La Stagione 2019-20 vede l’alternarsi sul palco dell’Auditorium (che festeggia a ottobre 2019 i suoi vent’anni con tante iniziative aperte alla città) di solisti di fama internazionale; alcuni ospiti per la prima volta come il cornista Felix Klieser, il violoncellista  Nicholas Alstaedt (nel doppio ruolo di solista e direttore), i pianisti Steven Osborne, Christian Blackshaw e Alexei Volodin, i violinisti Barnabàs Kelemen, Caroline Widman, Kristof Baràti; altri invece sono graditissimi ritorni come i pianisti Lylia Zilberstein, Enrico Pace (già protagonista lo scorso anno del concerto alla Scala) Luca Buratto (che da questa stagione è artista Residente giovane de laVerdi) Alessandro Marangoni e il violinista Domenico Nordio (Artista residente per la terza stagione).

Per quanto riguarda il podio, la novità di questa stagione è costituita dalla presenza di sette giovani talenti internazionali della direzione d’orchestra (Kerem Hasan, Maxim Pascal, Josep Vincent, Diego Matheuz, Jaume Santonja, Thomas Guggeis e Nicholas Alstaedt (solista e direttore) che si alternano alle figure di riferimento dell‘Orchestra a partire dal suo direttore musicale Claus Peter Flor, presente con 8 programmi, il direttore principale ospite Patrick Fournillier, con 4 presenze, il direttore residente Jader Bignamini con 2, Ruben Jais (che oltre a condurre il ciclo Musica & Scienza, sarà con laBarocca nei concerti di Pasqua e di Natale) e i graditissimi i ritorni dei Maestri Axelrod, Brock, Caetani, Grazioli, Kochanovsky, Rysanov, Shokhakimov, Trevino, Zhang,  Blacher (solista e direttore).

Immagine di copertina Diego Matheuz

Qui la gallery con tutti i protagonisti

Info: laverdi.org

Settimane Musicali Gustav Mahler a Dobbiaco dal 13 luglio
JAZZMI 2019: annunciati i primi nomi

Potrebbe interessarti anche

Menu