Fondazione Spinola Banna per l’Arte: Zeno Baldi

in News

Il Progetto Musica della Fondazione Spinola Banna per l’Arte ha svelato quest’anno il talento di un giovane compositore italiano, Zeno Baldi, presente con un lavoro per soprano e ensemble intitolato Crystal Line. Veronese, classe 1988, allievo di Gabriele Manca (a Milano) e di Klaus Lang (a Graz), Baldi si è basato su un breve frammento tratto da Crystallography del poeta concettuale e sperimentale Christian Bök, una sorta di enciclopedia patafisica che mescola poesia e geologia, fiocchi di neve e frattali.

Giochi di parole e anagrammi (a fractal: fatal arc / a snowflake: knows a leaf) che hanno ispirato una scrittura strumentale ricca di invenzioni, di grande eleganza formale, con tre legni e tre archi che dipanavano suoni lunghi, cupi e pastosi, senza vibrato, con rapidi pattern reiterati, e che sembravano tracciare una segreta linea cantabile. A questo ordito si univano le punteggiature secche di un quartetto formato da mandolino (mandolinista Detlef Tewes), arpa (suonata anche con le bacchette), pianoforte (preparato) e vibrafono (che a metà del pezzo lasciava il posto a tam tam, gong e marimba), e la linea vocale che procedeva per frammenti, senza vibrato, cantando anche con la mano sulla bocca, e con una sezione manipolata elettronicamente. Le qualità musicali di questo pezzo erano colte con grande intelligenza e finezza timbrica nell’esecuzione dell’ensemble mdi, diretto da Filippo Perocco, e dall’interpretazione molto partecipata del soprano Anna Piroli.

Più deludente l’altro pezzo, commissionato per l’occasione a Hankyeol Yoon, giovanissimo compositore e direttore d’orchestra coreano (24 anni), allievo per la composizione di Isabel Mundry. Intitolato Sulgame (gioco alcolico), si ispirava a piccoli giochi che si fanno bevendo con amici attorno a un tavolo, che richiedono rapide reazioni e che sono introdotti da un breve canto. Una dimensione ludica e leggera, che Yoon ha cercato di ricreare con una grande varietà di materiali (anche eccessiva), in un collage di micro-episodi, gesti teatrali, trame dense e avvolgenti, giochi ritmici, e una parte vocale piena di ammiccamenti e parole urlate. Molto naïf.

Completavano il concerto i Contrasti di Béla Bartók, magnificamente eseguiti da Lorenzo Gentili-Tedeschi, Paolo Casiraghi e Luca Iercitano, e Akrostichon-Wortspiel, capolavoro di Unsik Chin che era quest’anno la “madrina” del Progetto Musica. Sette scene tratte dalla Storia infinita di Michael Ende e Attraverso lo specchio di Lewis Carroll, testi ridotti a semplici fonemi o frasi incomprensibili, come fiabe sonore atomizzate, di grande seduzione, costruite con un complesso gioco di risonanze e metamorfosi timbriche (marchio di fabbrica della compositrice coreana), sfruttando diversi tipi di emissione vocale e una delicata scrittura microtonale (con accordature per quarti e per sesti di tono). Una delizia all’ascolto.

Billy Budd di Benjamin Britten al Teatro dell’Opera di Roma
Per sogni e per chimere: Giacomo Puccini e le arti visive

Potrebbe interessarti anche

Menu